Marmellata di mandarini

Ingredienti:
Mandarini kg. 5 – 5 limoni – acqua l. 2,5 zucchero kg. 2.5.

Esecuzione:
Tagliate a meta’ i mandarini ed i limoni. Raccogliete tutti i semi che potete in una ciotolina (ricchi di pectina, sostanza solubile in acqua e gelatinizzabile, artefice poi della riuscita consistenza della marmellata) e copriteli con acqua: sara’ sufficiente un bicchiere circa.
In una casseruola raccogliete il succo degli agrumi e le bucce tagliate con un coltellino affilato, ovviamente senza traccia di parte bianca, tritate piuttosto finemente. Unite l’acqua e lasciare a macerare per 24 ore.
Filtrare il liquido della ciotolina, che a contatto con i semi, sara’ diventato un po’ gelatinoso. Unite questo liquido nella casseruola e raccogliete i semi in un telo legandoli a fagottino. Immergete anche questo fattino nella casseruola ed accendete la fiamma.
Appena si alza a bollire, abbassare la fiamma e lasciare cuocere cosi’ per circa 3 ore, fino a che buona parte del liquido evapora e le bucce siano quasi pronte per toccare il fondo della casseruola. A questo punto aggiungete lo zucchero, dopo averlo riscaldato bene nel forno, di modo che raggiunga la marmellata in uno stato disidradato, e allo stesso tempo, non faccia subire ad essa un eccessivo sbalzo di temperatura.
Lasciate cuocere ancora la marmellata per 25 minuti, prima di spegnerla.
La cottura esatta della marmellata si riconosce quando, lasciandone raffeddare velocemente nel congelatore un cucchiaino in un piattino sollevandolo di taglio, il composto si stacca lentamente in un filo unico.
Dopo circa 1 ora scaldate i vasetti di vetro, perfettamente puliti, nel forno per evitare traumi alla marmellata e riempiteli aiutandovi con un piccolo mestolo.
Su ogni vasetto appoggiate un dichetto di pellicola trasparente e poi chiudeteli con il loro coperchio.