Le ricette del Cavalcanti

Tra i miei giri per librerie ho trovato un libricino molto carino, che ho pagato la meta’ del costo originale; si chiama:
« 100 ricette storiche di M. Alberini edito da Sansoni. » 

Sono rimasta affascinata da queste ricette che all’origine non erano molto elaborate. Ne riporto 2, la prima e quella dei Vermicelli col pomodoro, la seconda dei Vermicelli alle vongole.

Il Cavalcanti era un nobile napoletano con l’hobby della cucina, e’ definito « L’Artusi del Sud »; la sua cucina riunisce due culture differenti, quella dei nobili del Regno e qualla ancora piu’ interessante del popolo « dei bassi e dei vicoli » napoletani.

  • Vermicelli co lo pommodoro

    Ingredienti (dosi per 4 persone):
    1 kg di San Marzano ben maturi , 50 g di strutto di maiale, sale, pepe, 400 g. di vermicelli piuttosto grossi

    Esecuzione
    Tagliare i pomodori in 2, eliminando con cura i semi e l’acqua di vegetazione. Metterli in una casseruola, regolare di sale, coprire, e far bollire, prima a fuoco lento, poi piu’ alto, fino a completa cottura.
    Passare i pomodori al setaccio rimettendo nellla pentola il pure’ ottenuto. Aggiungere lo strutto, il pepe e rimettere sul fuoco. Far bollire dolcemente, fino a quando il sugo non si sara’ addensato.
    Cuocere i vermicelli al dente, in acqua salata. Scolarli e gettarli nella casseruola, sul fuoco basso dove sobbolle il sugo, rivoltarli un paio di volte e servirli subito.

    Come si vede, l’antica ricetta, esclude le erbe aromatiche, l’aglio ed anche il formaggio.

  • Vermicelli alle vongole

    Ingredienti (per 4 persone):
    400 g di vermicelli – 1 kg di vongole, 1/2 bicchiere d’olio d’oliva, 1 grosso mazzetto di prezzemolo, sale, e pepe.

    Esecuzione
    Lavare dapprima le vongole ripetutamente, cercando di eliminare la maggior quantita’ possibile di sabbia.
    Metterle in una padella con pochissimo olio e farle aprire scartando quelle che rimangono chiuse.
    Con cura, togliere le vongole dalle valve, ricuperare il fondo di cottura e filtrarlo attentamente (passino con garza). Mettere divisi, a parte, liquido e molluschi.

    Far cuocere, molto al dente, i vermicelli in acqua salata.
    Nel frattempo in un tegame, largo e poco alto, mettere l’olio e scaldarlo, senza farlo soffriggere. Unire il liquido delle vongole, sale e pepe abbondante. Appena i vermicelli son cotti, scolarli, ma non troppo, metterli nel tegame, unire le vongole, il prezzemolo tritato e mescolare velocemente, per pochi istanti.

    Sevire caldissimo, naturalmente senza formaggio. :-))

La Squadra banane striate ha vinto il campionato
Pasta con le zucchine
Due ricette con la zucca
Zeppole di S.Giuseppe
Zabajone al Limongello
Vermicelli con le vongole
Pizza di scarole
La minestra « maritata »
Marmellata di mandarini
Involtini di melanzane