Crostata di rose e frutti di bosco

Questa ricetta e’ tratta da un inserto speciale de « Il Mattino » uscito in occasione della manifestazione « Napoli a porte aperte.
Sono una serie di ricette antiche, dei monasteri napoletani, per l’occasione i menu’, venivano realizzati da noti ristoranti napoletani

Impastate 400 gr. di farina biancic on 100 gr. di miele, 50 di zucchero, 4 uova, una bustina di lievito in polvere e petali di due rose tagliati a striscioline, un pizzico di fiori d’erica e 2 bicchieri di latte.
Lavorate l’impasto versatelo in uno stampo unto di burro e spolveratelo di farina.
Infornatelo per mezz’ora a calore moderato, poi togliete la torta per farla raffreddare.

Preparate un composto di pesche, ciliege, fragole, melone, fiori d’erica e succo di limone e d’arancia, petali di rosa canina. Un bicchiere di vino bianco ed uno di maraschino.
Fate cuocere il composto per 10′, fatelo raffreddare e stendetelo sulla torta.

Decorate con fragole e ciliege e rimettete in forno per 15′; poi fate raffreddare per almeno 3 ore.
Questa ricetta, del 1590, composta con le rose del Chiostro di Regina Coeli ed i frutti del Borgo Sanita’, allora campagna.