Luisa

Quando ero ancora una giovane studentessa dell’orientale, incontrai un giovane militare americano.

A dire il vero, in quel periodo ero reduce da una brutta delusione d’amore e non avevo nessuna intenzione d’impelagarmi in un altro rapporto sentimentale. Ma che vi devo dire? Il ragazzo era « bellillo », costante nelle sue dimostrazioni d’affetto e mi mancavano ancora due esami di inglese:-)).

Per farla breve, decidemmo di fidanzarci e dopo due anni ci sposammo. Ma visto che mio marito non aveva alcuna intenzione di fare il militare per tutta la vita, alla scadenza del contratto decise di congedarsi. E poiche’ a Napoli non si offrivano molte prospettive d’impiego ad un giovane straniero che tra l’altro non parlava nemmeno l’italiano, decidemmo di trasferirci nella sua terra natale.

Certo, di tanto in tanto mi chiedo ancora perche’, se proprio dovevo « inguaiarmi » con un’americano, non ho incontrato un Californiano, uno che veniva dalle Hawaii, o magari anche dalla Georgia, dall’Arizona, dalla Florida?

Pero’ (di solito) appena comincia a sciogliersi la neve mi passa…

Avanti il prossimo.