Emigrazione

NAPULE PE’ MME

Napule pe’ mme è

nun tené ciento rote sotto ‘e piere,

è nun ghì cchiù annante e arrete

d’a’ matina a’ sera.

Napule pe’ mme è

puté capì ancora

quann »e lacreme ‘e mammema

so’ amare.

Napule pe’ mme è

patemo che m’aspetta

pecché c »o figlio suio

‘nce sta ‘o rispetto.

Napule pe’ mme è

sorema ca cresce

e chi ‘o sape

che femmena ne jesce.

Napule pe’ mme è

‘na machina a cambiali, blù,

e quanno ‘nce sto dinto

nun capisco niente cchiù.

Napule pe’ mme è

‘o sole e ‘o mare

e ‘nce sta pure ‘o ricordo

d »o primmo ammore.

Napule pe’ mme è

‘na città diversa,

San Gennaro, ‘o stadio

e ‘na giunta rossa.

Napule pe’ mme è

‘a vita mia

e i’ murarraggio

si nun ‘nce turnarria.

OBIETTIVI

Era un’alba nebbiosa,

gli stivali arrancavano

nella neve vecchia

e nella massicciata.

Guardando un merci

che lentamente andava

a ricovero,

promisi a me stesso:

« Un giorno dirò a mio figlio:

sai, tuo padre, tempo fa,

guidava i treni ».

Avevo davvero fede in questo,

senza alcuna ragione

plausibile per sperarlo,

ma ci sono riuscito !

E adesso coraggio,

ce la farò anche stavolta.